Notaio BLOG

Il Blog del Portale Notarile Notaio.org


Lascia un commento

Traccia Mortis Causa – Venerdì 3 dicembre 2021 – Concorso notarile a 400 posti da notaio (D.D. 03/12/2019)

concorso_notarile3

Traccia Concorso Notarile
Venerdì 3 Dicembre 2021: Mortis Causa

Tizia, cittadina italiana e scrittrice di chiara fama, si reca dal notaio Romolo Romani di Roma per disporre delle sue ultime volontà ed espone al notaio di essere vedova e di avere due figli riconosciuti, Tizietto e Caietto.

Tizia dichiara di aver avuto, durante il matrimonio con il defunto marito, una figlia (Sempronia) dalla relazione con Cesare, il quale al momento della nascita l’ha riconosciuta come figlia naturale nata da donna che non vuole essere nominata; pertanto Tizia intende procedere al riconoscimento della stessa Sempronia.

Tizia sa che Tizietto vuole iniziare un’attività imprenditoriale che lo esporrà ad un elevato indebitamento e pertanto intende lasciargli solo un terreno in Roma di scarso valore e nominare quindi eredi in parti uguali gli altri figli e Primo, unico figlio di Tizietto.

Tizia ha appena terminato il suo romanzo inedito, conservato sul suo computer, e intende lasciarlo a Cesare con l’onere della pubblicazione dello stesso entro un anno dalla sua morte e con la possibilità di sfruttarne tutti i relativi diritti. La password per accedere al testo digitale del manoscritto è custodita dall’avvocato Filano, già incaricato di consegnarla al beneficiario del lascito.

Tizia è, altresì, proprietaria dell’azienda olivicola in Tivoli e vorrebbe lasciarla a Caietto affinché prosegua l’attività sotto forma di società con modalità che ne escludano la sua responsabilità patrimoniale nei confronti dei creditori dell’azienda.

Tizia, inoltre, intende costituire una fondazione per testamento che si prenda cura dei gatti randagi, destinando a siffatta finalità la Villa in Pomezia, con l’annesso ampio giardino, del valore di euro 100.000,00.

Tizia dichiara al notaio di non conoscere la lingua italiana per aver vissuto all’estero, ma è accompagnata dall’amico tedesco Filano, per la prima volta giunto in Italia, che conosce perfettamente la lingua italiana ed è disposto a farle da interprete.

Il candidato, assunte le vesti del notaio Romolo Romani di Roma, rediga il testamento pubblico di Tizia, adeguandolo, ove necessario, alle inderogabili norme di legge e tratti, in parte teorica, della tutela dei creditori del legittimario leso e degli istituti giuridici inerenti alle altre disposizioni testamentarie.


Lascia un commento

Traccia Societario – Giovedì 2 dicembre 2021 – Concorso notarile a 400 posti da notaio (D.D. 03/12/2019)

concorso_notarile2

Traccia Concorso Notarile
Giovedì 2 Dicembre 2021: Societario

Caio, Sempronio, Mevio, sordomuto che sa leggere e scrivere, ma non può sottoscrivere per impedimento alla mano destra, e la società “Tizio Tizi s.n.c.”, in persona del legale rappresentante Tizio, si recano dal notaio Romolo Romani di Roma per procedere alla costituzione di una società di persone che preveda per uno o più soci la responsabilità limitata nei confronti dei terzi.

La società “Tizio Tizi s.n.c.”, Mevio e Sempronio, intendono conferire, ciascuno, la somma di euro 10.000,00.

Caio intende assumere la qualifica di socio con responsabilità limitata e conferire la proprietà della sua azienda (comprensiva del locale deposito in Roma, alla Via Tuscolana, utile per lo svolgimento dell’attività della costituenda società), acquistata con riserva di proprietà dallo stesso Caio, che intende continuare a pagare le rate residue del prezzo.

Al predetto immobile sono annesse una corte della superficie di mq. 500, non riportata nelle planimetrie depositate in catasto negli anni ’50, e un’area urbana della superficie di mq. 4.600.

I soci intendono prevedere che in caso di mancato ottenimento del cambio di destinazione d’uso del deposito in locale commerciale entro quattro mesi dalla stipula, il conferimento dell’azienda nella sua interezza verrà caducato. In ogni caso Caio intende prestare anche la propria opera come chef, per un numero di trentasei ore settimanali.

I soci intendono prevedere che, in caso di caducazione del conferimento aziendale di cui sopra, Caio parteciperà solo agli utili e alle perdite in qualità di socio d’opera.

Relativamente ai patti sociali, i comparenti intendono:

  • nominare amministratore la società “Tizio Tizi s.n.c.” e i soci Sempronio e Mevio, con la previsione del metodo collegiale per l’assunzione delle decisioni dell’organo amministrativo;
  • prevedere la intrasferibilità assoluta di tutte le partecipazioni sociali, anche nel caso di morte dei soci persone fisiche e dell’estinzione della società socia, regolandone opportunamente le conseguenze giuridiche.

Il candidato, assunte le vesti del notaio Romolo Romani, rediga l’atto costitutivo della società, motivi le soluzioni adottate e, in parte teorica, tratti, in relazione alle società di persone, il conferimento delle aspettative, la disciplina del socio d’opera e la patrimonializzazione del suo conferimento, il principio di intrasferibilità delle partecipazioni, l’applicabilità del principio della collegialità nell’amministrazione e l’estinzione della società.


Lascia un commento

Traccia Inter Vivos – Mercoledì 1 dicembre 2021 – Concorso notarile a 400 posti da notaio (D.D. 03/12/2019)

concorso_notarile1

Traccia Concorso Notarile
Mercoledì 1 Dicembre 2021: Inter Vivos

Tizio, cittadino tedesco residente in Italia e che conosce la lingua italiana, intende stipulare un contratto preliminare per l’acquisto di un appartamento facente parte di un fabbricato in corso di costruzione di proprietà della “FLAMINIA S.p.A.”, ubicato nella periferia di Roma, promettendo l’acquisto per sé e per la moglie Tizia relativamente all’usufrutto e per il figlio Mevio, il cui amministratore di sostegno è lo stesso padre, per la nuda proprietà.

Egli intende riservare per sé, per la moglie e per il figlio, la facoltà di stipulare il contratto definitivo a nome della società “ALFA S.p.A.”, di cui è amministratore.

Il notaio Romolo Romani di Roma, con Studio in Via Induno 1, presupponendo l’esistenza di tutti i presupposti e i provvedimenti necessari, rediga l’atto, tenendo presente che:

  1.  Tizio desidera avere la presenza dei testimoni, uno dei quali il suo avvocato Micuzzo;
  2.  la moglie Tizia, temporaneamente in Gran Bretagna, ha conferito procura al marito con scrittura privata autenticata da un notaio britannico;
  3.  il prezzo di euro 500.000,00 verrà pagato quanto a euro 100.000,00 al momento della stipula del contratto definitivo, quanto a euro 350.000,00 con accollo di un mutuo contratto dal costruttore e quanto a euro 50.000,00 con cambiali garantite da ipoteca sull’immobile;
  4.  al momento della stipula del preliminare viene versata una caparra confirmatoria pari alla quota di euro 100.000,00 da pagare al definitivo, somma che viene affidata al notaio per essere accreditata sul suo conto dedicato e che sarà svincolata in favore del costruttore dopo la trascrizione dell’atto definitivo.

Nella parte teorica si giustifichino le scelte fatte nella redazione dell’atto e, in particolare, si tratti del rapporto tra contratto preliminare e contratto definitivo, della capacità del cittadino straniero, dei princìpi della vendita di immobile da costruire e dei titoli di credito astratti.


1 Commento

Pubblicata la graduatoria del concorso notarile a 300 posti bandito con D.D. 16/11/2018 (e l’elenco delle Sedi disponibili)

Pubblicata in data 15 novembre 2021 la graduatoria dei vincitori del concorso, per esame, a 300 posti di notaio, indetto con D.D. 16 novembre 2018

Decreto 11 novembre 2021 – Approvazione della graduatoria dei vincitori del concorso, per esame, a 300 posti di notaio, indetto con decreto dirigenziale 16 novembre 2018

11 novembre 2021

Il Ministro della Giustizia

VISTI gli artt. 4 e 14 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;

VISTI gli artt. 1 e 2 della legge 6 agosto 1926, n. 1365, gli artt. 8-28 del regio decreto 14 novembre 1926, n. 1953, l’art. 5 del regio decreto 22 dicembre 1932, n. 1728, la legge 25 maggio 1970, n. 358, il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487, la legge 30 dicembre 2010, n. 233, l’art. 254 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito con modificazioni dalla legge 17 luglio 2020, n. 77;

VISTO il decreto dirigenziale16 novembre 2018, con cui è stato indetto il concorso per esame a 300 posti di notaio;

VISTI i decreti ministeriali 19 marzo 2019, 28 marzo 2019, 4 luglio 2019, 3 ottobre 2019, 22 ottobre 2019, 24 giugno 2020, 21 luglio 2020, 28 luglio 2020 e 3 febbraio 2021, relativi alla nomina e alla composizione della commissione esaminatrice;

VISTO il verbale redatto dalla commissione esaminatrice in data 8 novembre 2021, con acclusa la graduatoria dei candidati che hanno superato le prove del concorso;

RITENUTO che le operazioni di concorso si sono svolte in osservanza delle norme citate;

CONSIDERATO, pertanto, di dover approvare la graduatoria dei vincitori;

CONSIDERATA la disponibilità di posti di notaio liberi all’atto della formazione della graduatoria del concorso medesimo;

DECRETA

E’ approvata la graduatoria dei vincitori del concorso, per esame, a 300 posti di notaio, indetto con decreto dirigenziale 16 novembre 2018.

Roma, 11 novembre 2021

LA MINISTRA
Marta Cartabia

Consulta la graduatoria

15 novembre 2021 – Pubblicazione graduatoria, sedi disponibili e avvertenze per i vincitori

Il Direttore generale degli affari interni

Visti gli artt. 26 e seguenti del regio decreto 14 novembre 1926, n. 1953 e successive modifiche;
Visto il decreto dirigenziale 16 novembre 2018, con cui è stato indetto un concorso, per esame a 300 posti di notaio;
Visto il decreto ministeriale 11 novembre 2021, di approvazione della graduatoria dei vincitori;
Vista la legge. 30 aprile 1976, n. 197 in materia di concorso di trasferimento per notai in esercizio;
Considerate le sedi attualmente vacanti all’esito dei concorsi per trasferimento;

DISPONE

la pubblicazione ai sensi dell’art. 5, comma primo, del regio decreto. 22 dicembre 1932, n. 1728 della graduatoria dei vincitori unitamente all’elenco delle sedi sul sito web del Ministero della Giustizia,

AVVERTE

che entro quindici giorni dalla data della pubblicazione sul sito web di questo Ministero delle sedi di cui sopra, i vincitori del concorso potranno far pervenire al Ministero della Giustizia – Dipartimento per gli affari di giustizia – Direzione generale degli affari interni – Ufficio II, reparto notariato, una dichiarazione contenente l’indicazione delle sedi nelle quali richiedono di essere destinati, con ordine di preferenza.

Nel caso manchi la detta dichiarazione, o le sedi prescelte non possano essere assegnate in base alla posizione in graduatoria o per ragioni di servizio, il Ministero provvederà d’ufficio all’assegnazione della sede (art. 5, quarto comma, del regio decreto 22 dicembre 1932, n. 1728).

Sulla dichiarazione di preferenza sedi dovrà essere apposta una marca pari all’importo di euro 16,00 ogni quattro facciate; dovrà contenere l’indicazione delle singole sedi preferite tra quelle indicate in numero corrispondente al posto occupato in graduatoria.

Per ottenere l’assegnazione di una sede nella provincia di Bolzano è richiesta la conoscenza della lingua italiana e di quella tedesca, accertata ai sensi delle disposizioni di cui al titolo I del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752, e successive modifiche (art. 31 Decreto del Presidente della Repubblica. 15 luglio 1988, n. 574).

Per ottenere l’assegnazione di una sede nella regione Valle d’Aosta è richiesta la conoscenza della lingua italiana e di quella francese, accertata con le modalità di cui agli articoli 1 e 2 del decreto legislativo 22 maggio 2001, n. 263.

Roma, 15 novembre 2021

Il Direttore Generale
Giovanni Mimmo

Consulta le Sedi disponibili


1 Commento

Pubblicata la Commissione del concorso notarile a 400 posti di notaio (D.D. 03/12/2019)

Pubblicata la Commissione per il concorso notarile a 400 posti di notaio


Lascia un commento

Concorso notarile D.D. 16/11/2018: pubblicato l’elenco dei 244 partecipanti ammessi agli orali

E’ stato pubblicato l’elenco dei 244 partecipanti ammessi agli orali del  concorso notarile a 300 posti da notaio bandito il 16/11/2018 (D.D. 16/11/2018).

CONSULTA L’ELENCO DEI 244 PARTECIPANTI AMMESSI AGLI ORALI


12 commenti

Traccia Societario – Venerdì 5 aprile 2019 – Concorso notarile a 300 posti da notaio (D.D. 16/11/2018)

Traccia Concorso Notarile
Venerdì 5 Aprile 2019: Societario

La società “Alfa S.p.A.”, avente a oggetto attività di sviluppo di programmi informatici, con sede in Viterbo, ha un capitale sociale pari a euro 1.500.000,00, interamente versato e suddiviso in 1.500 azioni del valore di euro 1.000,00 ciascuna.

Il capitale è detenuto da quattro soci e tra gli stessi distribuito nel modo che segue:

a) Claudio detiene azioni per un ammontare complessivo di euro 1.250.000,00, quale socio di maggioranza;

b) Paolo e Luca detengono ciascuno azioni per l’ammontare complessivo di euro 50.000,00;

c) la società “Beta S.p.A.” detiene azioni dell’ammontare complessivo di euro 150.000,00.

La società “Alfa S.p.A.” intende procedere all’aumento del capitale sociale, per l’ammontare non scindibile di euro 1.000.000,00.

L’amministratore unico della società “Alfa S.p.A.” ha fornito in tempo utile al notaio, con il corredo documentale necessario, le seguenti informazioni:

1) la riserva legale è di euro 350.000,00;

2) la riserva utili non distribuiti è di euro 200.000,00;

3) la riserva da sovrapprezzo azioni è pari a euro 50.000,00;

4) la riserva per futuro aumento è pari a euro 100.000,00;

5) la riserva da rivalutazione è pari a euro 50.000,00;

6) dalla situazione patrimoniale della società al 28 febbraio 2019 risultano maturati utili dell’esercizio in corso relativo al corrente anno pari a euro 180.000,00;

7) il socio “Beta S.p.A.” ha effettuato forniture continuative di software in favore della società “Alfa S.p.A.” dell’importo complessivo di euro 1.000.000,00 e ha chiesto insistentemente all’amministratore unico della società “Alfa S.p.A.” che il suddetto credito, certo, liquido ed esigibile, venga iscritto nel bilancio come finanziamento e indicato nella nota integrativa al medesimo con clausola di postergazione; si è, poi, dichiarato disponibile a utilizzare tale posta ai fini dell’aumento;

8) la preferenza dei soci di eseguire l’aumento a titolo gratuito;

9) il socio di maggioranza ha espresso la volontà di inserire nello statuto la clausola di covendita nella forma del drag-along (c.d. clausola di trascinamento).

L’amministratore unico di “Alfa S.p.A.” ha chiesto, quindi, al notaio Giulia Romani di fornire il suo consiglio professionale per realizzare l’operazione di aumento e le modifiche statutarie.

A seguito di quanto sopra, ha convocato in data odierna l’assemblea presso lo studio del notaio stesso, sito in Roma, Via Arenula n. 1.

L’avviso è stato eseguito nel rispetto dei termini di legge e statutari e l’ordine del giorno riporta l’indicazione analitica del suddetto aumento nonché delle modifiche statutarie.

A seguito di sopravvenute inderogabili esigenze, l’amministratore, alle ore 7:00 di questa mattina, ha chiesto tuttavia al notaio di recarsi presso la sede della società, in Viterbo, Piazza Santi Francesco e Chiara n. 2, e alla medesima ora di convocazione.

Recatosi sul posto, previa constatazione della sussistenza dei presupposti necessari alle regolare tenuta dell’assemblea, appurato che nessuno degli intervenuti si oppone alla trattazione degli argomenti all’ordine del giorno e che tutti i soci sarebbero disponibili — ove non ricorrano le altre condizioni di esclusione — a rinunciare al diritto di opzione, il notaio redige il relativo verbale.

Il candidato, assunte le vesti del notaio, rediga il solo verbale richiesto e non lo statuto, individuati e dati per presupposti al momento dell’assemblea i requisiti formali della corretta convocazione e delle regolare costituzione della stessa, tenendo conto che i soci delibereranno all’unanimità; motivi le soluzioni adottate e tratti, in parte teorica, degli istituti interessati dalla fattispecie in esame e, in particolare, dell’aumento di capitale misto, del finanziamento soci con riguardo al caso di specie, della nozione di interesse sociale necessaria ai fini dell’esclusione del diritto di opzione, delle clausole di covendita.


12 commenti

Traccia Inter vivos – Giovedì 4 aprile 2019 – Concorso notarile a 300 posti da notaio (D.D. 16/11/2018)

Traccia Concorso Notarile
Giovedì 4 Aprile 2019: Inter vivos

Tizio e Caia, coniugi in regime di separazione dei beni, insieme a Sempronio, amministratore unico della società “Alfa S.r.l.”, con sede in Roma, Via Veneto n. 1, capitale sociale euro 100.000,00, interamente versato, si recano dal notaio Giulia Romani, con studio in Roma, Via Aurelia n. 6, e rappresentano quanto segue:

1) Tizio è proprietario di un terreno edificabile sito in Roma, acquistato in separazione dei beni il 10 aprile 2000;

2) in data 20 maggio 2010 è stato costituito un fondo patrimoniale, nel quale, a far fronte ai bisogni della famiglia, è stato destinato, tra gli altri, il suddetto terreno, rimasto in proprietà esclusiva di Tizio;

3) nell’atto costitutivo del fondo patrimoniale è stata prevista la possibilità di alienare i beni dello stesso con il solo consenso dei coniugi;

4) i coniugi hanno due figli maggiorenni: Primo, unito civilmente con Mevio, e Secondo, legalmente separato dal coniuge;

5) è intenzione di Tizio trasferire alla società “Alfa S.r.l.” il suddetto terreno edificabile ottenendo in corrispettivo:

a) un appartamento facente parte del fabbricato sito in Roma, Piazza Farnese, con attribuzione della nuda proprietà a Primo e dell’usufrutto congiuntivo con reciproco diritto di accrescimento loro vita natural durante in favore di Tizio e Caia, con obbligo a carico di Primo di corrispondere, per la durata di dieci anni, la somma di euro 10.000,00 annui a favore dell’associazione “Gilda”, con sede in Genova, per la tutela delle vittime della violenza di genere;

b) la ristrutturazione di un villino unifamiliare di proprietà del figlio Secondo, sito in Roma, via Cassia;

6) il valore del terreno edificabile è pari a euro 2.000.000,00, il valore dell’appartamento in Piazza Farnese è pari a euro 1.200.000,00 e il corrispettivo per la ristrutturazione dell’immobile di via Cassia è pari a euro 600.000,00;

7) dall’operazione deriva, dunque, un conguaglio di euro 200.000,00 che la “Beta S.p.A.”, con sede in Milano, Via Montenapoleone n. 2 e capitale sociale di euro 1.000.000,00, interamente versato, disponibile a intervenire in atto e controllante di “Alfa S.r.l.”, si obbliga a pagare entro sei mesi dall’atto, concedendo in alternativa, su semplice richiesta del creditore Tizio, il diritto di acquisire una partecipazione pari al 5% del capitale della società “Beta S.p.A.”, di proprietà di quest’ultima;

8) Tizio esprime al notaio il timore che la società “Alfa S.r.l.” non adempia le obbligazioni derivanti dal trasferimento del terreno.

Il candidato, assunte le vesti del notaio Giulia Romani, rediga in data odierna l’atto richiesto, adeguandolo alle norme inderogabili di legge ed esercitando le sue funzioni di consiglio; motivi le soluzioni adottate e tratti dei principi attinenti agli istituti giuridici relativi al caso, con particolare riferimento alla deviazione degli effetti contrattuali, all’adempimento del terzo, alle liberalità indirette e alle garanzie che assistono l’operazione economica sopra descritta.


12 commenti

Traccia Mortis Causa – Mercoledì 3 aprile 2019 – Concorso notarile a 300 posti da notaio (D.D. 16/11/2018)

Traccia Concorso Notarile
Mercoledì 3 Aprile 2019: Mortis Causa

Claudia, nota imprenditrice commerciale, affetta da grave e rara patologia in stadio terminale e con un’aspettativa di vita di pochi mesi, è ricoverata presso una nota clinica privata in Roma alla via Ardeatina n. 2.

È divorziata e ha obbligo di assegno divorzile in favore dell’ex coniuge Giovanni.

Ha due figlie, Guenda e Lina, entrambe maggiorenni, nate dal cessato matrimonio e attualmente convive stabilmente con Mario, il quale è stato nominato dal Giudice Tutelare del Tribunale di Roma suo amministratore di sostegno per ovviare al suo impedimento fisico e che ha assunto formalmente l’ufficio.

Dal rapporto di stabile convivenza è nato il figlio Costantino, che ha appena compiuto dodici anni.

Avendo fermamente maturato la volontà di testare, chiama personalmente il notaio Giulia Romani, con studio in Roma, alla via Induno n. 1, perché si rechi in clinica per ricevere le sue ultime volontà in un testamento pubblico.

Ivi giunto il notaio, la testatrice, premettendo di avere gravissima difficoltà nella sottoscrizione, le espone le sue volontà nel modo che segue:

a) legare l’azienda di alta moda al figlio Costantino, in sostituzione della legittima, escludendo l’usufrutto legale a favore del padre del minore, in quanto soggetto non avente alcuna attitudine alla gestione imprenditoriale;

b) assicurare la gestione aziendale per almeno quattro anni successivi al suo decesso, affidandola alla sua cara amica Elena, anch’ella valente imprenditrice commerciale, nei modi consentiti dalla legge;

c) lasciare al nipote nascituro già concepito, figlio della primogenita Guenda, il casale in Spoleto, riconosciuto come bene culturale ai sensi di legge, con l’onere di realizzarvi, ove possibile per sempre, un’esposizione permanente e aperta al pubblico dei modelli e delle foto delle proprie creazioni di moda, premiati nel corso del tempo;

d) lasciare al convivente la villa in Madonna di Campiglio, a condizione che, ove contragga nozze nei successivi tre anni con persona rientrante nella cerchia delle loro più strette amicizie, metta in vendita l’immobile entro il termine di sei mesi decorrenti dalle nozze, preferendo le proprie figlie nell’acquisto;

e) lasciare all’ex coniuge Giovanni l’appartamentino totalmente ristrutturato in Roma, alla Piazza di Spagna, quale suo futuro sostentamento;

f) destinare il proprio corpo alla scienza e, in particolare, al centro interdipartimentale “Salutè” dell’Università di Cagliari, suo luogo di nascita, prevedendo altresì un lascito cosiddetto solidale di 100.000 euro all’associazione “Alpha” per la ricerca sulle malattie rare;

g) esaurita così la disponibile, dividere il restante suo patrimonio fra le figlie Guenda e Lina assegnando, ove possibile, alla primogenita Guenda la facoltà di scelta dei beni per la formazione delle due porzioni, prevedendo che le proprie liquidità depositate presso diversi istituti bancari vadano alla secondogenita Lina e, comunque, tenendo conto, nella formazione delle dette porzioni, delle donazioni già effettuate in favore di Lina e rimettendo la stima di tutto quanto sopra al proprio fratello Severo.

Il candidato, avente le vesti del notaio, rediga il testamento adeguando la volontà della testatrice alle disposizioni inderogabili di legge; in parte teorica motivi le soluzioni adottate e tratti dei principi attinenti agli istituti giuridici relativi all’atto, soffermandosi in particolare sulle disposizioni atipiche del detto testamento, sull’applicabilità rispetto al legato di azienda dell’articolo 2560 c.c., sui vincoli di destinazione apposti ai beni lasciati per testamento, sulla liceità delle condizioni testamentarie afferenti ai diritti personalissimi.


13 commenti

Pubblicata la Commissione del concorso notarile a 300 posti di notaio (D.D. 16/11/2018)

Pubblicata la Commissione per il concorso notarile a 300 posti di notaio