Notaio BLOG

Il Blog del Portale Notarile Notaio.org


Lascia un commento

I notai pubblici ufficiali ed il coronavirus

Il Don Abbondio di manzoniana memoria non avrebbe mai potuto essere un notaio

PUBBLICI UFFICIALI TENUTI A PRESTARE SERVIZIO IN OGNI CIRCOSTANZA

di Giulio Biino | Notaio in Torino | La Stampa

Art. 142 Legge Notarile: “E’ punito con la destituzione: (omissis) il notaio che abbandona la sede in occasione di malattie epidemiche o contagiose”.

L’occasione è propizia per formulare alcune osservazioni sulla funzione notarile e sulle sue peculiarità. Com’è noto le emergenze spesso inducono a riflettere.

Sembra talvolta che le espressioni “pubblico ufficiale” e “pubblica fede” siano espressioni vaghe, pompose e sostanzialmente destituite di reale significato.

L’articolo sopra riportato, in qualche modo, consente invece di ridare a quelle espressioni l’importanza ed il peso che realmente rivestono.

Il Notaio è un pubblico ufficiale tenuto a prestare il suo ministero quali che siano le circostanze.

Una procura finalizzata a stipulare un atto indifferibile e urgente, un testamento da parte di un soggetto che si trovi nell’impossibilità di scrivere, e ormai prossimo alla morte, una Disposizione Anticipata di Trattamento sono negozi giuridici che non possono essere posticipati o rinviati neppure in caso di malattie epidemiche o contagiose.

Qui sta la lungimiranza del legislatore che ha previsto per il notaio che si sottragga a quest’obbligo la più grave delle sanzioni disciplinari e, allo stesso tempo, qui risiede la peculiarità della professione notarile.

In sostanza il don Abbondio di manzoniana memoria non avrebbe potuto essere notaio.

Innumerevoli sono nella storia antica del Notariato gli esempi di Notai consapevoli della loro indispensabilità anche nelle predette circostanze, così come non mancano, purtroppo, esempi meno commendevoli.

A tal riguardo interessante risulta la lettura delle cronache della Peste nera del 1348.

Ai tempi del Coronavirus si può tuttavia affermare, così tranquillizzando chiunque abbia dubbi al riguardo, che pur nelle cosiddette “zone rosse”, ove sono vietati l’ingresso e l’uscita, i Notai, anche attraverso l’intermediazione dei Consigli Notarili Distrettuali, hanno fatto, e faranno, fronte alle emergenze.

Una importante assunzione di responsabilità e una significativa rassicurazione per la cittadinanza giustamente preoccupata in un momento di grave incertezza.


Lascia un commento

Sei un Notaio e non hai ancora il tuo Sito Web o lo vuoi rottamare? Dai visibilità al tuo Studio con Notaio.org!

Notaio.org  attraverso il “Progetto Studi Notarili in Rete“, lanciato nel 2007progetta, realizza e gestisce Siti Web Notarili nel pieno rispetto del Codice Deontologico Notarile.

E’ stato ad esempio recentemente realizzato e pubblicato online l’elegante Sito Web dello Studio Notarile del Notaio Luca Di Pietro:

Il Sito Web, realizzato con innovative tecniche di visualizzazione, strategie di visibilità in Rete e geolocalizzazione, è consultabile anche con una versione ottimizzata per dispositivi Mobile (tablet e smartphone).

Le NEWS del NOTARIATO (via FEED RSS) vengono inserite GRATUITAMENTE sul sito web, che dispone altresì di appositi Moduli per la richiesta di Preventivi e per i contatti con lo Studio.

Ogni Sito dello Studio Notarile viene inserito GRATUITAMENTE e PER SEMPRE anche sui seguenti siti (Guide online per la ricerca del notaio) gestiti dal Network di Notaio.org:

http://www.notaio.org (Sezione “Trova il Notaio”)

Non lasciarti sfuggire l’OFFERTA PROMOZIONALE riservata ai NOTAI: contattaci subito!

06-99.25.99.22
349-67.73.052
info@notaio.org


Lascia un commento

Il mercato immobiliare è in ripresa: lo dice l’Istat

mercato-immobiliareFonte: Repubblica.it

Il 2014 si chiude ufficialmente con una crescita delle compravendite dell’1,6%, spinto in particolare dagli immobili a uso economico (+3,2%). Riparte anche l’erogazione di mutui, con un aumento del 9,2% sull’anno precedente.

MILANO – Inversione di tendenza per il mercato immobiliare, che è reduce da sette anni di cali: secondo i dati dell’Istat, il 2014 chiude con una crescita dell’1,6% sul 2013, per un totale di 594.431 trasferimenti a titolo oneroso di unità immobiliari.

Gli aumenti riguardano tutte le ripartizioni geografiche tranne le isole, dove invece si rileva un calo dell’1%.

L’Istituto di statistica aggiunge che le convenzioni di compravendita di unità immobiliari a uso abitazione e accessori (pari a 553.324) registrano un incremento dell’1,6% in un anno, più contenuto rispetto a quello registrato per le convenzioni di compravendita delle unità immobiliari ad uso economico (+3,2%).

A registrare le performance migliori sono stati soprattutto i grandi centri: gli archivi notarili delle città maggiori hanno registrato un +2,9% degli atti (considerando tutti i comparti), a fronte del +0,6% dei piccoli centri.

Il risultato del quarto trimestre (168.456 convenzioni, +4,9% sullo stesso trimestre del 2013) ha contribuito all’andamento positivo dell’anno, così come quelli del primo (+1,3%) e del terzo (+3,7%) mentre nel secondo trimestre si era registrato un calo del 3,1%.

Tra ottobre e dicembre il 92,5% dei trasferimenti di proprietà ha riguardato immobili a uso abitazione e accessori (155.909), il 6,8% unità immobiliari ad uso economico (11.411) e lo 0,7% (1.136) unità immobiliari ad uso speciale e multiproprietà (esclusi i posti barca).

La ripresa ha riguardato tutte le tipologie d’uso, in misura maggiore le unità immobiliari a uso economico (+9,2%, a fronte del +4,8% per le unità a uso abitazione ed accessori).

Anche per i mutui, finanziamenti e altre obbligazioni con costituzione di ipoteca immobiliare stipulati con banche o soggetti diversi dalle banche il 2014 è un anno di crescita: +9,2% sul 2013 per un numero complessivo di convenzioni pari a 278.447.

Gli aumenti più decisi si osservano al Sud (+13,6%), al Centro (+12,8%) e nelle Isole (+11,2%).

Con 77.368 convenzioni rogate, il quarto trimestre 2014 contribuisce in misura significativa: l’aumento sullo stesso trimestre dell’anno precedente è del 13%.

Il conteggio dell’Istat esclude le rinegoziazioni e le surroghe.


Lascia un commento

Oristano, 9 Maggio 2015: Manifestazione di piazza contro #ddlconcorrenza che #rottamalatutela dei cittadini

notai_oristano

APPROFONDISCI:

Statuto del Sindacato Sociale Notarile

Manifesto del Sindacato Sociale Notarile

Link Facebook all’Evento

– Gruppo Facebook del Sindacato Sociale Notarile

Pagina Facebook del Sindacato Sociale Notarile

Account Twitter del Sindacato Sociale Notarile